Il nuovo Decreto Infrastrutture: ecco le novità

Quali sono le regole dai parcheggi rosa ai monopattini

Scritto dalla
REDAZIONE

Il nuovo Decreto Infrastrutture include un importante aggiornamento del codice della strada, che è entrato in vigore il 10 novembre.
Al volante, oltre allo smartphone, sarà vietato usare pure gli altri device elettronici, come tablet, computer e dispositivi simili. 
Per chi parcheggia nelle aree di sosta per disabili, senza averne diritto, le sanzioni pecuniarie andranno da 168 a 672 euro (attualmente arrivano ad un massimo di 335 euro) e i punti decurtati dalla patente diventeranno 6 anziché 2. I disabili, da gennaio 2022 (se muniti di regolare contrassegno) potranno parcheggiare gratuitamente sulle striscia blu.Per le donne in gravidanza ed i i genitori con figli fino a due anni (con contrassegno esposto) ci saranno riservati i parcheggi “rosa”.
Invece, dovranno essere occupati solo nell’arco di tempo necessario per fare rifornimento gli stalli preposti alla ricarica di un veicolo elettrico (un’ora max). Il divieto non vale tra le 23 e le 7 del mattino (ad eccezione degli spazi riservati alle colonnine fast e alle super fast, che dovranno essere liberati non appena terminata l’operazione di ricarica).
Per chi si esercita prima dell’esame di guida senza istruttore della scuola al proprio fianco, è previsto il fermo amministrativo del veicolo per 3 mesi e una multa da 430 a 1.731 euro. In alcuni casi è previsto un contributo per il conseguimento della patente.Sui monopattini, dal 1° luglio 2022, diventano obbligatori frecce/stop/freni.I nuovi monopattini commercializzati dopo quella data dovranno esserne provvisti, tutti gli altri hanno tempo fino al 1° gennaio 2024 per adeguarsi.Come velocità non potranno superare i 6 km/h nelle aree pedonali e non potranno viaggiare oltre i 20 km/h in generale.Oltre a ciò, i monopattini non potranno circolare né sostare sui marciapiedi come è accaduto fino ad ora.Solo per i mezzi a noleggio, sarà obbligatoria l’assicurazione.

Per chi viaggia su due ruote senza casco, la sanzione per il passeggero scatterà a prescindere dall’età, a differenza di oggi.

I pedoni hanno diritto di precedenza anche se si stanno accingendo ad attraversare, e non si trovano già sulle strisce pedonali.

Precedente
Terme di Cervia

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.