Gerd Müller, “der bomber”

La Germania piange il campione del mondo

Scritto dalla
REDAZIONE

Gerhard Müller, “der bomber” detto Gerd, ci ha lasciati.

Da tempo il tedesco era malato di Alzheimer e si è spento a Monaco di Baviera il 15 agosto all’età di 76 anni. Pluricampione d’Europa ed implacabile centravanti con le sue prodezze impensabili, ha giocato fino al 1981.
Segnò 68 reti con la maglia della Nazionale, in 62 partite. Nessuno, come lui, ci riuscì.
Con la Germania Ovest è stato campione d’Europa nel ’72 e campione del mondo nel ’74, segnando in entrambe le finali i gol decisivi.

Con il Bayern Monaco, vinse 4 campionati tedeschi, 4 coppe nazionali, 1 Coppa delle Coppe, 3 Coppe dei Campioni e una Coppa Intercontinentale. Iniziò la carriera nelle giovanili della squadra della sua città: Nördlingen.
Ebbe la fortuna, di ritrovarsi con due allenatori che hanno creduto al suo talento: i croati Čajkovski e Zebec. 
Il primo lo scoprì e lanciò in prima squadra, il secondo ne affinò le caratteristiche. Con 365 gol realizzati in carriera, è i miglior marcatore della Bundesliga e in totale tra club e nazionale, ha segnato 730 gol in 788 presenze ufficiali, alla media di 0,93 reti a partita.

Soprannominato “Bomber Der Nation” cioè “Il cannoniere nazionale” è stato una vera legenda e rimarrà per sempre nella storia del calcio.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.